LA PERSONA VALE PIU’ DELLA SUA MALATTIA