Categoria: Eventi Recenti

Eventi organizzati dall’Ufficio

EMERGENZA COVID-19

Dall’Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute i link utili per  una corretta informazione

                                   EMERGENZA COVID-19

Dalla collaborazione tra l’Ufficio Nazionale di Pastorale della Salute e l’Associazione Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici nasce un servizio di ascolto ed accompagnamento psicologico per i cappellani ospedalieri e gli assistenti religiosi delle altre strutture sanitarie e socio-sanitarie.

Il servizio è gratuito ed è offerto dall’Istituto di terapia cognitivo interpersonale, guidato dal Diacono, Prof.Tonico Cantelmi.

Per informazioni contattare il n. 06.4424.7115

Segni di solidarietà

San Paolo in At 20,35 ci ricorda una Parola di Gesù: “C’è maggior felicità nel
dare che nel ricevere.” Con questo spirito gli Uffici Diocesani per la Pastorale della salute
e Disabili la Pastorale Sanitari, insieme alla Caritas diocesana, si sono prodigati per far
pervenire a alle Comunità Religiose che assistono ammalati,anziani e disabili alcuni
presidi sanitari, utili, anzi indispensabili in questo momento di emergenza da Covid – 19.
Nella speranza di un ulteriore aiuto che ci consenta di sostenere tutte le strutture
che non hanno potuto usufruire del vostro gesto di solidarietà, vi assicuriamo la nostra
incessante preghiera.
Grazie! Con San Paolo vi abbiamo accolti e con lui vi congediamo: “Dio ama chi
dona con gioia!”

suor Anna Maria Montalbano SdP
segretaria diocesana USMI

IL DIRETTORE NAZIONALE PASTORALE SALUTE INCONTRA I CAPPELLANI E LA CONSULTA

Un incontro formativo con il Direttore nazionale della pastorale della salute, don Massimo Angelelli per i componenti dell’Ufficio diocesano di Pastorale della salute si è svolto al Palazzo arcivescovile, guidati dalla direttrice Paola Geraci. La giornata è stata suddivisa in due momenti: al mattino incontro con i Cappellani ospedalieri, per uno scambio di esperienze e per evidenziare luci ed ombre del delicato lavoro che svolgono negli ospedali della Diocesi, accompagnati da gruppi di operatori di pastorale della salute, che formano la Cappellania ospedaliera, non presente in tutti gli ospedali. E’ stato sottolineato che l’ospedale è un crocevia in cui si vive la sofferenza, un delicato momento nella vita, che spesso risulta essere prezioso per l’incontro che può avvenire con Gesù sofferente, morto e risorto, che dà senso a quella esperienza, non soltanto per il paziente ma anche per la famiglia. Non sono esclusi da questo servizio pastorale gli operatori sanitari, che, oggi più di ieri, costretti da difficoltà divario tipo, spesso non riescono a offrire un servizio “umanizzato”, quale, ogni persona che vive la malattia, desidererebbe.

Successivamente il gruppo è stato ospiti a pranzo, in seminario per favorire una conoscenza dell’ambito pastorale e per “promuovere” la presenza dei seminaristi negli ospedali, guidati dal Cappellano, esperienza  che già esiste ma è bene accrescere.

Nel pomeriggio don Massimo Angelelli ha incontrato operatori di pastorale della salute, che svolgono il loro servizio nel territorio parrocchiale, e aderenti a varie Associazioni che costituiscono la Consulta della pastorale della salute. Don Massimo ha sottolineato l’importanza della formazione degli operatori e l’impegno per una vita pienamente cristiana, che sia la radice di una testimonianza che esprime un servizio di prossimità in una “periferia esistenziale” che è il tempo della malattia.

“Abbiamo concluso la giornata – spiega Paola Geraci – rivolgendo a Maria, Salute degli infermi la preghiera che è diventata “propria” degli operatori di pastorale della salute: Ave Maria… Santa Maria, Madre di Dio, prega per le persone ammalate, per le loro famiglie, per chi se ne prende cura e per noi peccatori. Amen”.