IMPARARE AD ESSERE SE STESSI SENZA LASCIARSI CONDIZIONARE DAL GIUDIZIO DEGLI ALTRI:

Messaggio per un’aquila che si crede un pollo (DE Mello)

Un uovo d’aquila, messo nel nido di una chioccia, si schiude e cresce con i pulcini. La sua vita si svolge come quella di un pollo . Un giorno vede volare in cielo un uccello splendido e chiede di chi si tratta. Uno dei polli gli risponde:”E’ un aquila, la regina degli uccelli. Non ci pensare. Tu ed io siamo diversi da lei”. Così l’aquila non ci pensò e morì, pensando di essere un pollo. “Svegliatevi”, è il grido dell’autore, che ci sprona a sbarazzarci delle etichette che gli altri ci affibbiano e dietro cui ci nascondiamo e prendere in mano la nostra vita. Chi, meglio di noi, può stabilire cosa siamo e cosa possiamo essere?